2012 – La qualità della vita nel Canavese

Studio commissionato da Confindustria Canavese

Giugno 2012 – Il Centro Studi Sintesi ha contribuito attivamente alla ricerca presentata il 21 Giugno 2012 in occasione del Convegno Strategie per il Canavese – potenzialità del territorio, qualità della vita e reti di sviluppo“ tenutosi ad Agliè (TO) per iniziativa della Confindustria Canavese. Lo studio realizzato dal Centro Studi Sintesi ha voluto capire come si vive nel Canavese ma senza limitarsi alla situazione economica: da tanto tempo, infatti, quanto prodotto dai cittadini in termini di ricchezza viene assunto come unico indicatore di benessere dimenticando tuttavia che il mondo in cui viviamo è diventato troppo complesso per essere letto con un unico criterio. Se si vuole definire la qualità della vita in un territorio è necessario integrare lo sguardo sul benessere economico con parametri sociali e relazionali.

Questo risultato è stato ottenuto attraverso un’analisi di “posizionamento” che ha permesso di applicare un benchmark oggettivo di parametri di valutazione, ponendo particolare interesse alla qualità della vita ed al benessere, ed utilizzando poi lo stesso metro di paragone per stimolare le amministrazioni locali a porre la loro attenzione sulle problematiche del territorio da migliorare. L’analisi provinciale fotografa un’Italia divisa in due, in cui il Canavese si colloca in posizione intermedia (54° posto tra le province italiane) appena sotto Asti ed appena sopra Ascoli Piceno. L’economia del territorio è caratterizzata da un solido tessuto manifatturiero altamente specializzato, con un mercato del lavoro sviluppato e tassi di occupazione e disoccupazione migliori di molte realtà del Nord.  La popolazione del Canavese ha un benessere materiale adeguato e in linea con la media italiana, è fortemente legata al territorio con una forte propensione  a viverci stabilmente e si registra un’elevata sensibilità ambientale. A contrastare questi punti di forza del territorio le note dolenti giungono in primis dalla sfera settoriale demografia e sociale, con un’età media della popolazione che si avvicina ai 45 anni, tra le più alte d’Italia e dall’impoverimento culturale della popolazione (bassi tassi di scolarizzazione superiore e pochi corsi formativi) L’aspetto peggiore di questo territorio è però quello legato all’ambito Infrastrutture e Mobilità dove il Canavese, pur tenendo nella dovuta considerazione l’attenuante di una morfologia territoriale trattandosi prevalentemente collinosa e montuosa, evidenzia elementi di assoluta debolezza.

Scarica l’abstract della ricerca

Partner

  • Partner tecnologico per la gestione di Business Intelligence, gestione globale degli Assets e GIS Analysis
  • Per una revisione delle misure del Benessere
  • Universita di Bologna
  • Master in City Management
  • Gruppo di studio su riforme istituzionali e fiscalità
  • Rivista di cultura ed economia sull'artigianato e piccola impresa
  • Il portale delle famiglie italiane
  • Studi e richerche sull'economia dell'immigrazione
  • Laboratorio veneto di Economia, sviluppo e lavoro
  • Università Cà Foscari Venezia
  • Ruolo Economico delle Donne