2012 – Gli effetti del sistema pubblico sulla competitività delle regioni italiane

Studio commissionato da Uniocamere Veneto

Febbraio 2012 – Nel 2010 la Commissione Europea ha pubblicato, per la prima volta, l’indice di competitività regionale (RCI). Si tratta di un adattamento alle realtà regionali del Vecchio Continente dello studio annualmente diffuso dal World Economic Forum (Global Competitiveness Index – GCI) che monitora dettagliatamente il grado di competitività del “sistema Paese” di 142 Stati nel mondo. A titolo di cronaca, nell’ultimo rapporto del WEF, l’Italia si collocava al 42° posto, dietro a Paesi come Barbados e Tunisia. La metodologia utilizzata per lo studio della Commissione Europea è analoga a quella del rapporto WEF e si caratterizza per quasi settanta indicatori a loro volta afferenti ad undici aree definite “pilastri”. Nello specifico vi sono:

Þ                5 “pilastri di base” (istituzioni; stabilità macroeconomica; infrastrutture; salute; qualità dell’istruzione primaria e secondaria);

Þ                 3 “pilastri dell’efficienza” (istruzione superiore e formazione; efficienza del mercato del lavoro; dimensione del mercato);

Þ                 3 “pilastri dell’innovazione” (livello di sviluppo tecnologico; grado di sofisticazione del sistema produttivo; innovazione).

Dallo studio della Commissione Europea, emerge come le regioni italiane presentino buone performance per quanto riguarda la competitività del sistema territoriale ma appaiano tuttavia lontane rispetto ai risultati di regioni dell’Europa settentrionalequali Utrecht (NL), Hovedstaden (DK), Londra (UK), Stoccolma (SE) e Île de France (FR). Quasi tutte le regioni del Centro-Nord Italia non vanno oltre il terzo gruppo di merito (su sei), con un indice compreso tra 50 e 66, mentre Calabria, Basilicata, Molise e Sardegna rientrano nel quinto cluster. Sulla base della ricerca effettuata dalla Commissione Europea, la migliore tra le regioni italiane sarebbe la Lombardia (95° posto su 268), mentre la Basilicata non andrebbe oltre la 235ma posizione

Partner

  • Partner tecnologico per la gestione di Business Intelligence, gestione globale degli Assets e GIS Analysis
  • Per una revisione delle misure del Benessere
  • Universita di Bologna
  • Master in City Management
  • Gruppo di studio su riforme istituzionali e fiscalità
  • Rivista di cultura ed economia sull'artigianato e piccola impresa
  • Il portale delle famiglie italiane
  • Studi e richerche sull'economia dell'immigrazione
  • Laboratorio veneto di Economia, sviluppo e lavoro
  • Università Cà Foscari Venezia
  • Ruolo Economico delle Donne