2012 – La situazione delle finanza comunale aggiornata al 2011

Studio commissionato da Unioncamere Veneto e pubblicato nel bollettino Federalismo e dintorni

Ottobre 2012 – I dati della finanza comunale nel 2010 avevano evidenziato una netta ripercussione della crisi economica sulla gestione finanziaria di questi Enti. L’erosione dei risparmi e del reddito disponibile dei contribuenti avevano causato una diminuzione delle entrate tributarie; contemporaneamente, l’operare dei vincoli del Patto di Stabilità aveva generato una riduzione delle spese di investimento. Le condizioni economiche maturate nel 2011 hanno spinto alcuni Comuni ad utilizzare i margini fiscali disponibili per far fronte alla riduzione delle entrate subìta negli ultimi anni. Il risultato è stato un incremento delle entrate tributarie del +6,5%, che sono passate da circa 16,8 miliardi di euro a 17,9 miliardi di euro (Tabella 1).

Nel dettaglio, si è registrata una sostanziale invarianza del gettito dell’ICI (al netto dell’abitazione principale) pari al -0,1%, mentre è calato il valore dell’addizionale IRPEF del -4,6% (dal 2012 il blocco imposto nel 2008 verrà meno). Sono diminuiti, inoltre, i trasferimenti dagli enti pubblici (che comprendono le risorse compensative per il minor gettito ICI e, soprattutto, i contributi dallo Stato): questa risorsa ha fatto registrare una diminuzione del -6,8% rispetto al 2010.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.

Partner

  • Partner tecnologico per la gestione di Business Intelligence, gestione globale degli Assets e GIS Analysis
  • Per una revisione delle misure del Benessere
  • Universita di Bologna
  • Master in City Management
  • Gruppo di studio su riforme istituzionali e fiscalità
  • Rivista di cultura ed economia sull'artigianato e piccola impresa
  • Il portale delle famiglie italiane
  • Studi e richerche sull'economia dell'immigrazione
  • Laboratorio veneto di Economia, sviluppo e lavoro
  • Università Cà Foscari Venezia
  • Ruolo Economico delle Donne