2012 – Il federalismo in tempo di crisi, viaggio nella spesa pubblica italiana

Studio commissionato da Unioncamere del Veneto

Gennaio 2012 – Federalismo, spesa pubblica, crisi: questi sono i temi approfonditi nel nuovo rapporto di ricerca dell’Osservatorio regionale sul federalismo e la finanza pubblica, nato nel novembre 2007 dalla collaborazione tra il Consiglio regionale del Veneto e Unioncamere del Veneto. Si tratta di un’altra tappa importante di un percorso di approfondimento in materia di federalismo fiscale e decentramento amministrativo iniziato sei anni fa con un primo studio dedicato ai costi del “non federalismo”, che rappresenta ancora oggi una “pietra miliare” nel panorama degli studi realizzati sul tema a livello regionale e nazionale. Il nuovo studio fornisce numerosi elementi di analisi utili per ribadire alcune proposte interpretative, alla luce delle recenti manovre finanziarie dei vari Governi che hanno interessato soprattutto le Autonomie, bloccando la riforma federalista.

Il federalismo in tempo di crisi” – questo è il titolo del nuovo rapporto di ricerca dell’Osservatorio – raccoglie cifre, idee e proposte per riavviare il dibattito sul federalismo come antidoto al neocentrismo. Dapprima presente nei programmi di gran parte delle formazioni politiche, il processo federalista italiano si è infatti arenato ed è stato additato come la ragione di tutti i mali del Paese.

Il nuovo rapporto intende pertanto offrire numeri e spunti di riflessione su vari aspetti del sistema pubblico italiano, soffermandosi sull’impatto delle manovre correttive e sulla situazione della spesa pubblica italiana, analizzando i diversi livelli di governo e mettendo a confronto la struttura della Pubblica amministrazione con quella dei modelli federali europei, nella speranza che il rilancio del processo federalista possa contribuire a risolvere i nodi strutturali e portare l’Italia fuori dalla crisi.

L’intento dichiarato della riforma del federalismo fiscale è quello di stimolare una maggiore responsabilità a livello locale. Tale obiettivo dovrebbe essere raggiunto attraverso l’esercizio dell’autonomia fiscale e l’imposizione di una maggiore trasparenza nell’assegnazione delle risorse a ciascun ente locale, abbandonando il circolo vizioso della spesa storica. Non c’è dubbio, infatti, che le riforme degli anni Novanta (“Bassanini”) e del 2001 (“Titolo V”) abbiano sensibilmente decentrato la spesa, mentre non sia è fatto altrettanto con il personale pubblico e con le risorse finanziarie. La legge-delega del 2009, pertanto, mirava a correggere questa situazione distorta, che è stata terreno fertile per le gestioni “allegre” di qualche amministratore locale. Infatti, solo con il superamento della finanza derivata e con l’assegnazione di una vera autonomia di entrata sembra possibile stimolare una maggiore responsabilità nella gestione della cosa pubblica. Responsabilità, quindi, è la parola chiave del federalismo fiscale.

“Dagli altari alla polvere”: così può essere sintetizzato quanto è accaduto, nell’arco di un anno o poco più, al progetto del federalismo fiscale. Dapprima presente nei programmi di gran parte degli schieramenti politici, il federalismo è stato poi frettolosamente rinnegato e accusato di essere portatore di tutti i mali dell’ultimo decennio. Una cosa però emerge con chiarezza: il federalismo fiscale non può essere messo sul banco degli imputati semplicemente perché non c’è. La riforma del Titolo V non è stata attuata pienamente; la legge delega del 2009 non ha prodotto i suoi effetti in quanto molti aspetti non sono ancora entrati in vigore; e alcune parti dei decreti sul federalismo sono state «svuotate» dalle manovre dei vari Governi.

Partner

  • Partner tecnologico per la gestione di Business Intelligence, gestione globale degli Assets e GIS Analysis
  • Per una revisione delle misure del Benessere
  • Universita di Bologna
  • Master in City Management
  • Gruppo di studio su riforme istituzionali e fiscalità
  • Rivista di cultura ed economia sull'artigianato e piccola impresa
  • Il portale delle famiglie italiane
  • Studi e richerche sull'economia dell'immigrazione
  • Laboratorio veneto di Economia, sviluppo e lavoro
  • Università Cà Foscari Venezia
  • Ruolo Economico delle Donne